giovedì 17 dicembre 2015

Varie Artigianato e Fai da Te - Costruire Case di montagna in Miniatura con Pietra e Legno

Oggi e' il turno di Alberto Bonaudo di Rivarolo Canavese (TO) che ci racconta lo spirito che lo ha portato a sviluppare la costruzione di antiche case rurali e piccoli villaggi alpini in miniatura. Per Alberto le case antiche di montagna, per il loro carattere, per il loro aspetto, volume e colore, per i materiali con cui sono costruite e per il giusto collocamento nell'ambiente, sono belle. Nate per consentire la vita nelle montagne, non si sono sovrapposte al paesaggio, ma vi si sono inserite con perfetta misura. Esse nascono dall’ambiente, ne usano i materiali, seguono un disegno che ha subito un lungo processo di adattamento alle condizioni climatiche, alle esigenze dell’uomo e dell’ambiente stesso. Così queste costruzioni si fondono con il paesaggio diventandone parte integrante, unendo insieme elementi dell’uomo e della natura. Il tutto è legato strettamente all’amore che ha per le montagne di casa situate tra l’alto Canavese e la Valle d’Aosta. Dopo averle percorse in lungo e in largo in ogni stagione da oltre 35 anni, ha potuto osservare non solo le bellezze naturali, ma anche quelle create dall’uomo nel corso degli anni, da qui molte sue opere hanno preso forma.  






 Sia le case che i villaggi sono in scala 1:80, vale a dire che l’altezza di una casa è di circa 10 cm. Esse nascono rispettando le tecniche di costruzione originali, utilizzando solo pietra e legno come nella realtà, ogni pietra viene tagliata su misura, mentre le parti lignee , come ad esempio per i tipici “Rascard” Valdostani sono accuratamente tagliate e incastrate fra loro. I materiali utilizzati sono solo pietra e legno che raccoglie personalmente durante le sue escursioni in montagna. Le sue creazioni vogliono esaltare la bellezza dell’architettura alpina in tutta la sua semplicità, ma non sono mai delle copie di manufatti esistenti, bensì frutto della sua fantasia, pur mantenendo intatta la tipicità della costruzione. Si possono vedere anche alcuni dettagli che impreziosiscono sempre le sue creazioni come la falce, la sega (1 cm di lunghezza), l'accetta, la legna ben accatastata sul solaio, il vaso con fiori sul fronte, balcone incassato su un fianco, il pilastrino rotondo che è una caratteristica tipica di molte antiche case alpine, balconi fioriti, la panca, la fontana, la falce appesa al muro e il secchio appoggiato al lavatoio, ecc . Ogni parte viene curata nei più piccoli particolari, ad esempio una porta con finestrotto è composta da ben 13 pezzi, nonostante sia alta solo3 cm. Ogni sua costruzione e' completamente fatta mano e prende il none da una montagna del luogo. 






 Di seguito alcune realizzazioni
- Villaggio Rocher Fleuri' (foto 11), con le case ammassate tipico delle zone alpine
- Villaggio Roccia Viva (foto 12) con chiesetta
- Villaggio Tour Ronde (foto 13)
- Chiesetta (foto 14) addossata ad un masso sul fianco
- Abitazione (foto 15) con passaggio coperto fra le due porzioni di casa, anche questa e' una peculiarita' delle zone alpine







Le notizie mi sono state fornite da Alberto Bonaudo
Per saperne di piu' vai alla Pagina Facebook
Guarda il video su  You Tube 

lunedì 14 dicembre 2015

Varie Artigianato e Fai da Te - Maschere Teatrali in Cuoio fatte a mano

Ho scoperto un altro prodotto artigianale di nicchia, le maschere per la Commedia dell' Arte. E' cio' che crea dal 1995 Giovanni Balzaretti (foto 1) di Livorno, Direttore artistico presso le Accademie della Commedia e del Teatro Agricolo, insegnante presso Teatro Catalina Sur Buenos Aires. Ha una vetrina a Livorno ed una a S. Giovanni in Marignano (RN). Sono completamente fatte a mano secondo l' antica tecnica di battitura usata sin dalle origini osservando il lavoro di pellai, calzolai e sellai. Ogni maschera richiede circa 40 ore di lavoro fra modellazione del cuoio su calco in legno e lavorazione dello stesso legno.






Le fasi che segue Giovanni sono:
- Schizzo e tavola tecnica consistono nell' iniziare scarabbocchiando per poi passare al disegno scala 1/1 della fronte, profilo e assonometria di un teschio umano. Sul teschio costruisce il grottesco dello schizzo rispettando le proporzioni anatomiche del “Triangoleto” (triangolo che ha ai vertici le due pupille e la radice del naso) e del “Tavoleto” (quadrilatero che ha ai vertici i due zigomi e i due punti dell’occipite in cui la maschera tocca lo scheletro dell’attore).
- Modello tridimensionale in argilla, sul trespolo monta un pano di argilla e seguendo la tavola tecnica realizza la maschera che puo' subire anche delle leggere modifiche se lo ritiene necessario con un pantografo.
- Calco in legno, sul trespolo si monta il ciocco di legno (Cirmolo o Tiglio) che si sgrossa con mazzuolo e scalpello, si scolpisce con sgorbie, rifinisce con raspa e carta abrasiva, ancora il pantografo  per riportare l’anatomico dall’argilla al legno.
- Maschera in cuoio, con pelle di mucca conciata a tannino di spessore 1,8 – 2,0 mm. Si bagna in acqua e aceto sfibrando il verso dei peli. Piazzata sul calco si inchioda lungo tutto il bordo posteriore con chiodi di ottone. Prima avviene la micro martellatura con un martello di corno, poi la spianatura con un martello di caucciù. Le linee di scultura vengono messe in risalto con una spingina in Corno o in Bois de rose. Importante e' il tempo di asciugatura della pelle. Se il naso e' lungo predispone la giunta per linguetta o per sovrapposizione nel punto della maschera meno visibile dal pubblico. Quando è vicina al punto di asciugatura si lucida con il suo collagene usando il dorso del martello di corno e il piatto della spingina. Si tolgono i chiodi, rastremano le linguette posteriori e poi si scappella la maschera dal calco. Si tagliano occhi e narici, si imprigiona un anima d’ottone lungo tutto il bordo. Si montano i lacci, si tinge con prodotti naturali (catrame, tabacco, calce, caffè, mallo di noci, lacche, bacche di sambuco, usando come solvente lo strutto o la cera d’api riscaldata) oppure con aniline e mordenti diluibili in acqua o in alcool. Si montano i peli di sopracigli e baffi se servono.
- Prova della maschera. Se e' un calco nuovo si prova e si verifica la vestibilita' , di solito c'e' bisogno di ritoccare il calco prima di arrivare alla giusta misura.






Le maschere piu' caratteristiche sono:
Zanni (il primo servo o servo tonto), Arlecchino (il secondo servo o servo furbo), Brighella (il piccolo padroncino), Pantalone (l' accumulatore di denaro), il Magnifico (un Pantalone della politica), il Capitano (guardaspalle del Mercante), Tartaglia (fragile e balbuziente), il Dottore (il parassita), Pulcinella (maschera napoletana la piu' antica, se ne ha notizia gia' nel 1500), la Strega (sacerdotessa della sapienza femminile), poi altre meno note.
Le maschere sono anche personalizzabili e si puo' anche partecipare a dei corsi che periodicamente Giovanni Balzaretti organizza in un numero non superiore a 6 per poter essere seguiti scrupolosamente.
Di seguito alcune maschere realizzate:
- Strega (foto 11)
- Magnifico (foto 12)
- Capitano (foto 13)
- Arlecchino cinese (foto 14)
- Neutra (foto 15)






Le notizie e le foto mi sono state fornite da Giovanni Balzaretti
Per saperne di piu' vai al Sito o alla Pagina Facebook
Guarda video su You Tube 

venerdì 6 novembre 2015

Legno, Metalli e simili - Costruire con il legno a mano una canoa ed un ' auto

Filippo Pacca (foto 1) di Bressanone in Trentino titolare di "Feli & Fuchs" aiutato anche dalla moglie Andrea progetta e realizza oggetti unici, tutti fatti rigorosamente a mano. In questo post vedremo la creazione di una canoa ed un' auto con motore elettrico in legno. Ha creato anche una vaporiera rudimentale (foto 2) con una vecchia vaporella ed un tubo idraulico, per ammorbidire il legno e fletterlo a suo piacimento.



 La canoa "canadese" e' in legno Cedro (Western Red Cedar Americano) su consiglio di un costruttore di canoe del Canada, un legno insolito per le imbarcazioni ma molto tenero, facilmente lavorabile, con propieta' di alta resistenza agli agenti atmosferici, vario nei colori. Con tavole lunghe 3 metri, larghe mediamente 25 cm, di spessore 4 cm. Le dimensioni della canoa sono: lunghezza metri 5,40, larghezza massima al centro metri 1, altezza cm 45 nella parte centrale e cm 65 all' estremita'. I pezzi per lo scafo sono stati tagliati e piallati ottenendo doghe di millimetri 65 x 35 di spessore e creando gli incastri con una fresa (maschio e femmina) per l' assemblaggio.






 Lo scafo e' in legno Cedro, la seduta e mezzerie in Rovere, gavoni (foto 9) alle due estremita' in multistrato marino (foto 4 -5 -6), pagaie in legno Faggio. Lo scafo e' stato modellato con l' utilizzo di sagome di multistrato, stuccato con segatura e resina (foto 8), una passata di pialletto elettrico, varie passate di cartavetro di varia grana. Poi una stoffa-resina (foto 11) in rotolo sia all' interno che all' esterno, c'è resina e tessuto fibra di vetro, si appoggia il tessuto bello teso sul legno, si cosparge abbondante resina con il pennello, poi si passa con la spatola e si toglie l'eccesso di resina, per rendere compatto ed impermeabile lo scafo. Altre passate di cartavetro fino alla grana 500 ed infine 2 mani di vernice per barche. Durata del lavoro 2 mesi circa.






 L'auto, in legno Abete e Faggio lamellare e' un veicolo Land Rover 109 prima serie realizzato in proporzione esatta (disegni forniti da Land Rover Inghilterra), lunga metri 1,5,  motore elettrico 800 W con 4 ore di autonomia, 45km/ora di velocità, quattro ammortizzatori indipendenti e supporta tranquillamente 60 kg,  tre freni a disco, luci, frecce, clacson funzionanti.






 Filippo crea anche orologi (foto 18 -19) con meccanismi in legno (ne parleremo piu' approfonditamente in un prossimo post) perfettamente funzionanti che sono stati richiesti da Prada per alcuni punti vendita.



Le foto e le notizie mi sono state fornite da Filippo Pacca.
Per saperne di piu' vai  alla Pagina Facebook 
Guarda il video su You Tube

martedì 27 ottobre 2015

Legno, Metalli e simili - Costruire e Restaurare strumenti musicali a corda

Davide Castellaro (nella foto 1 con Dody Battaglia dei Pooh) di Tortona (AL) apprezzato liutaio "The Utopia Custom Shop", si avvicina a questo mondo all' eta' di 12 anni  quando gli regalano la prima chitarra. Dopo un po' pensa di smontarla e da qui nasce la passione per gli strumenti musicali a corda e pizzico. Inizia da autodidatta nel 1992 lavorando come restauratore e creando i primi stumenti elettrici.  Il passaggio successivo e' la scuola Internazionale di Liuteria di Parma dove incontra il Maestro Renato Scrollavezza che e' stato curatore del violino Guarnieri del Gesu' detto "il Cannone" appartenuto a Niccolo' Paganini. Nella scuola studia Chimica, Fisica del Suono e Tecnologia del Legno. Dai maestri M. Picinotti e G. Maino apprende le vecchie tecniche di verniciatura ad aerografo e delle vernici sintetiche e nitro per gli strumenti moderni.






 Ha collaborato con importanti artisti della chitarra e non solo come Paolo Giordano (Dalla, Antonacci), Andrea Braido (Mina), Giovanni Bailo, Angelo Branduardi e con note aziende del settore italiane come la Wilder di Parma. Con la ditta Magnetics di Piero Terracina ha realizzato il sistema brevettato di pick up slide e sostituzione rapida elettronica. Nel 2004 e' stato insignito del premio "Piemonte Eccellenza Artigiana". A Tortona collabora riparando e customizzando con il negozio Guitar ed insieme alla casa di produzione Sonic Factory ha acquistato un capannone di circa 2000 metri creando il centro Music Island dove si trova tutto per il musicista. Nelle foto si vedono momenti lavorativi sia di strumenti creati che restaurati. Le varie essenze lignee utilizzate hanno almeno 10 anni di stagionatura e Davide lavora sempre collaborando col cliente affinche' il risultato finale e' di produrre strumenti originali ed unici.






 Di seguito alcune realizzazioni :
- Chitarra Ask Jazz (foto 11) corpo cavo, manico in Acero, tastiera in Ebano pick up Bartolini
- Chitarra LP (foto 12) corpo in light swamp Ash, manico in Acero, top Acero marezzato, pick up artigianale, ponte babygrand
- Chitarra Lap Still (foto 13) solid body in radica di pioppo figurato , decoro intarsiato in ebano e lacca rossa , pick up hb magnetics e custodia custom con funzione di supporto
- Chitarra Arpa (foto 14)  cassa in acero dei balcani , tavola in sitka spruce e manico in mogano con tastiera in palissandro ; monta 4 bordoni di basso e 7 sovracuti con intonazione tipo autoharp. E' un modello su richiesta della cantautrice milanese  Margherita Pirri
- Chitarra  Fiat500L (foto 15) commissionata appositamente dalla FIAT Auto per celebrare la nuova Fiat 500 e presentata a maggio 2013 al Mirafiori Motor Village (dove e' rimasta in esposizione) in occasione del Art Design Village. Non e' solo un oggetto da guardare ma una vera e propria chitarra elettrica con un' elettronica realizzata appositamente dalla Magnetics.Specifiche tecniche: Corpo noce bianco massello, manico acero, tastiera palissandro 2 controlli: voltometro & turbo boost 1 pick up u.b. attivo Magnetics






  Le notizie e le foto mi sono state fornite da The Utopia Custom Shop
Per saperne di piu' vai al Sito e alla Pagina Facebook